Perchè gli italiani comprano casa in coppia

Perchè gli italiani comprano casa in coppia

Le ultime analisi sui trend del settore immobiliare nel I semestre del 2019, hanno rilevato che il 71,3% delle transazioni è stato effettuato da coppie e coppie con figli. La percentuale risulta sostanzialmente invariata rispetto ad un anno fa, quando le famiglie componevano il 72% del totale degli acquirenti. Ma perché gli italiani comprano casa in coppia?

Comprare casa resta una tappa, forse tra le più importanti della vita; un obiettivo ed una promessa di stabilità per molti giovani coppie. 
Scegliere casa con il proprio partner e sapere che sarà quella l'unica dimora per tutta una vita insieme fa sentire la coppia realizzata, ma soprattutto sicura di non dover far pronte a spese con cadenza mensile come l'affitto; soldi che potrebbero essere destinati a progetti familiari più o meno futuri. 
Tuttavia comprare casa in due non rappresenta solamente la realizzazione di un sogno romantico, è anche la soluzione più semplice ed economicamente possibile per chi ha da sempre in lista l'acquisto di una casa. 

Di fatti l’affitto in questi anni è stato il paracadute per i tanti giovani che volevano comprare casa, ma si sono visti chiudere la porta in faccia dalle banche nel momento in cui chiedevano un mutuo.
È il cosiddetto “affitto per necessità”: prendo una casa in locazione perché non posso permettermi di comprare una casa tutta mia.
Una situazione che, con la crisi del mercato immobiliare delle compravendite che ha coinvolto il nostro paese dal 2008 in avanti, ha riguardato milioni di giovani.
Ora le cose sembrano andare meglio. Nel 2016 le compravendite hanno segnato una buona ripresa, raggiungendo le 517.164. Rispetto ai minimi di scambio toccati nel 2013 (403.124 immobili residenziali compravenduti), abbiamo recuperato oltre 100.000 transazioni.
Certo, nulla a che vedere con i livelli di mercato di dieci anni fa, quando ogni anno erano oltre 800.000 le case che venivano vendute in Italia.

Questa situazione di forte difficoltà economica in cui non solo le giovani coppie vivono spiegherebbe anche perché il bilocale sia il taglio più amato dagli italiani. 
Un tipo di appartamento molto più accessibile sa in fase di compra-vendita sia in fase di ristrutturazione, mobilio e mantenimento.

A confermare questa scelta è l’ultimo studio di Sigest, che dimostra come un terzo delle transazioni totali in Italia riguardi questo tipo di appartamenti.

Stando all’analisi del centro studi Sigest su base dati OMI dell’Agenzia delle Entrate, anche nel 2018 il bilocale, inteso come unità abitativa da 50 a 85 mq, si conferma il più venduto a livello nazionale, rappresentando il 31% delle transazioni effettuate nel corso dei dodici mesi.

Già nel 2017 il bilocale era il taglio più venduto in Italia, con la percentuale, invariata nel 2018, del 31%. Aggregando i bilocali e i trilocali (unità tra gli 85 mq e i 115 mq), a livello nazionale si raggiunge quasi il 60% del transato totale.

Che sia bilocale o un grande appartamento se si è in coppia ogni soluzione è invidiabile. 

Commenti

Aggiungi un commento

Accedi o registrati per commentare questo post.

Altri post

La figura del notaio nella compravendita della casa

Tra le cose più importanti a cui pensare quando si acquista o vende una casa c'è la ricerca di un buon notaio che si occupi della redazione e della registrazione dell'atto. Scopriamo di più su questa figura fondamentale nella compravendita degli immobili

Continua a leggere